Cova assistita

La capacità dell’embrione di “schiudersi” dal suo guscio protettivo è un passo cruciale per consentirgli di impiantare nell’utero. Siamo fortunati ad avere una tecnologia consolidata che ci permette di aiutare il processo di schiusa quando necessario.

Il guscio dell’uovo ha una serie di funzioni, l’ultima delle quali è quella di schiudere o “liberare” l’embrione in crescita in modo che possa impiantarsi. Inizialmente, il guscio dell’uovo o zona pellucida è responsabile della creazione di una barriera in modo che non più di uno sperma fertilizzi l’uovo (la penetrazione da parte di più spermatozoi distruggerà quasi inevitabilmente un embrione). Il guscio funziona anche per proteggere e racchiudere l’embrione come cresce da un mero 2 cellule in circa 8 cellule 2-3 giorni dopo il recupero. Quando l’embrione raggiunge lo stadio di blastocisti (100-200 cellule) circa 5 giorni dopo il recupero, viene trasferito nell’utero della donna. Qui, il guscio deve essere in grado di schiudere l’embrione in modo che possa aderire alla parete uterina, impiantarsi nel rivestimento uterino e continuare a crescere.

Quando viene utilizzata la schiusa assistita?

Qualsiasi numero di fattori può impedire che un embrione si sviluppi e si schiuda con successo. È stato dimostrato che la schiusa assistita è molto utile prima di trasferire un embrione scongelato congelato, perché la zona pellucida si indurisce con il congelamento. La zona è spesso più difficile nelle donne più anziane, quindi spesso eseguiremo la schiusa assistita su embrioni di donne di 38 anni e più, specialmente con i trasferimenti di embrioni di giorno 2 o giorno 3. Schiuderemo anche giorno 2 o 3 embrioni di donne più giovani se la zona è spessa o se la qualità dell’embrione è inferiore a stellare. È più difficile e possibilmente dannoso cercare di schiudere embrioni freschi di stadio di blastocisti. Se le donne anziane stanno avendo un trasferimento di embrioni in fase di blastocisti, ci schiuderemo solo se la zona pellucida è particolarmente spessa.

Come viene eseguita la schiusa assistita?

La schiusa assistita viene eseguita in laboratorio appena prima che gli embrioni vengano trasferiti nell’utero della donna. Usando un laser, l’embriologo fa una piccola e precisa apertura nel guscio di ciascun embrione.

La schiusa assistita è sicura?

Poiché il guscio non è una parte vivente dell’embrione, penetrare in questa struttura esterna non rappresenta praticamente alcuna minaccia. Gli studi indicano che la schiusa assistita usando la tecnologia laser è superiore alla schiusa assistita chimica, in cui l’uovo è penetrato con una soluzione acida. La tecnologia laser consente una maggiore precisione e viene eseguita anche più rapidamente, riducendo così il tempo di manipolazione degli embrioni prima del trasferimento. Il laser consente inoltre agli embriologi di prevenire un’eccessiva esposizione al calore, eliminando così praticamente tutti i rischi per l’embrione.

  1. J Assist Reprod Genet. 2011 Febbraio; 28 (2): 119-128. Cova assistita nella riproduzione assistita: uno stato dell’arte. Mohamad Eid Hammadeh,1 Constanze Fischer-Hammadeh,1 e Khaled Refaat Ali2
  2. Cochrane Database Syst Rev. 2009 Apr 15;(2):CD001894. Cova assistita su concezione assistita (IVF e ICSI). L’hotel è dotato di un parcheggio gratuito e di un parcheggio gratuito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.