Disturbi d’ansia, PTSD e DISTURBO ossessivo compulsivo legato alla infiammatorie disregolazione, ritrovamenti di studio

Iscriviti per gli aggiornamenti di Annullare gli aggiornamenti

Post-traumatico da stress, disturbo ossessivo-compulsivo, disturbi d’ansia e sono tutti positivamente associati con alti livelli di marcatori di infiammazione nel sangue, secondo una nuova ricerca pubblicata nella gazzetta Depressione & Ansia.

” In linea di massima, il mio programma di ricerca esamina i modi in cui le emozioni e la fisiologia influenzano e si relazionano tra loro-cioè, quando qualcuno sperimenta emozioni negative (e.g., tristezza, ansia, rabbia) frequentemente e / o intensamente che cosa fa per la loro salute fisica?”ha detto l’autore dello studio Megan E. Renna della Columbia University.

” C’è stato un legame ben consolidato tra malattia cronica e ansia nella letteratura nel corso degli anni. Ma non è ancora chiaro quali processi, sia psicologicamente che fisicamente, contribuiscano a questa associazione, quindi ho voluto esaminare se l’infiammazione possa essere uno di questi processi tra le persone con ansia, stress traumatico e disturbi correlati ossessivo-compulsivi.”

” L’infiammazione è associata a tutta una serie di malattie croniche (HIV, cancro, malattie cardiovascolari, morbo di Alzheimer, ecc.), quindi è stato particolarmente importante vedere se l’ansia cronica e pervasiva aumenta l’infiammazione. È mia speranza che possiamo costruire interventi per affrontare meglio l’impatto fisico dell’ansia e aumentare la qualità della vita e migliorare la salute fisica delle persone con ansia e disturbi correlati, e quindi questa meta-analisi è stata un passo in quella direzione.”

Nello studio, Renna ei suoi colleghi hanno esaminato 41 studi precedenti su individui con diagnosi di PTSD, OCD o disturbo d’ansia. Tutti gli studi comprendevano gruppi di controllo e presentavano almeno una misura di infiammazione nel sangue.

I ricercatori hanno scoperto che le persone con diagnosi di questi disturbi tendevano ad avere un livello significativamente più alto di marcatori pro-infiammatori rispetto ai soggetti di controllo sani. Ma non c’erano differenze significative tra le persone con PTSD, OCD o un disturbo d’ansia.

“Ansia, indipendentemente dal tipo specifico (ad es., paura, preoccupazione, ipervigilanza) può non solo prendere un pedaggio su qualcuno psicologicamente, ma fisicamente pure. In termini di implicazioni fisiche, l’infiammazione sistemica è qualcosa che è relativamente invisibile, il che significa che le cose che sentiamo possono avere un impatto sui nostri corpi in modi di cui potremmo non essere pienamente consapevoli”, ha detto Renna a PsyPost.

” Anche se non sappiamo ancora necessariamente se questo porta a problemi di salute a lungo termine, potrebbe essere importante ottenere un trattamento per la tua ansia per migliorare non solo la tua salute mentale ma anche la tua salute fisica.”

Lo studio — come tutte le ricerche-include alcune limitazioni.

“Rimangono ancora due grandi domande: in primo luogo, il PTSD sembra guidare la differenza nell’infiammazione tra le persone con ansia e controlli sani. Ma sembra anche esserci molta meno ricerca su altri disturbi rispetto al PTSD. Penso che sia importante per il campo continuare a cercare di capire come altri tipi di ansia aumentano l’infiammazione. Inoltre, sarà importante capire cosa rende il PTSD diverso dagli altri disturbi in termini di impatto sull’infiammazione.”

” In secondo luogo, questa meta-analisi non ha esaminato i processi che contribuiscono a una maggiore disregolazione infiammatoria nelle persone con questi disturbi — molti degli studi inclusi non hanno misurato ciò che collega l’ansia all’infiammazione. È importante in termini di prossimi passi essere più meccanicistici nella nostra comprensione di come l’ansia è associata all’infiammazione al fine di imparare meglio come intervenire su questa relazione e promuovere una migliore salute a lungo termine per le persone che soffrono di questi disturbi.”

Lo studio, “L’associazione tra ansia, stress traumatico e disturbi ossessivo–compulsivi e infiammazione cronica: una revisione sistematica e meta‐analisi”, è stato scritto da Megan E. Renna, Mia S. O’Toole, Phillip E. Spaeth, Mats Lekander e Douglas S. Mennin.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.